Crema viso Pitta

Idratante e lenitiva
50 ml – 1,7 FL. OZ.

La Crema Viso Pitta Maharishi Ayurveda è un’emulsione a cristalli liquidi. La sua formula, ricca di ingredienti naturali, idrata e nutre la pelle in profondità. La presenza di pregiati lipidi eudermici, com­binati con puri estratti ayurvedici, permettono di ripristinare la naturale barriera protettiva cutanea e svolgere un’importante azione lenitiva.

È ideale per il trattamento quotidiano di tutti i tipi di pelle, in particolare per pelli di tipo Pitta, sensibili e soggette ad arrossamenti. La formulazione contiene principi funzionali ad azione rinfrescante, lenitiva, calmante e vasoprotettiva, che sono attivi nel contra­stare le reazioni a cascata, tipiche dei processi che provocano irritazioni ed arrossamenti.

La miscela vegetale, ad azione riequilibrante Pitta, è costituita da puri estratti ayurvedici tradizionali. Il delicato aroma, anch’esso pacificante Pitta, è costituito da pregiate fragranze esclusivamente di origine naturale.

È una formulazione che presenta una Fase Oleosa particolarmente nutriente e ricca di oli pregiati.
Gli ingredienti che costituiscono la fase acquosa sono Acqua di Sorgente oligominerale di Alta Montagna combinata con un’importante percentuale di Acqua distillata di Rose, che svolge un’azione pacificante su tutti i dosha, ma in particolare su Pitta.

RACCOLTA DIFFERENZIATA
VASO – GL 70 VETRO
CAPSULA – PP 5 PLASTICA
PIATTELLO – LDPE 4 PLASTICA
ASTUCCIO – PAP 21 CARTA
Verifica le disposizioni del tuo Comune
Separa le componenti e conferiscile in modo corretto.

CERTIFICATO ICEA VISO PITTA

39,00

Modo d'uso

Distribuire il prodotto, mattina e sera, su viso, collo e décolleté con leggeri movimenti circolari, massaggiando delicatamente fino a completo assorbimento.

Suggerimenti

Lavare il viso con il Latte detergente Maharishi Ayurveda, che non perturba il film idrolipidico naturale, e sciacquare con acqua preferibilmente non troppo calda, meglio se a temperatura ambiente.

Per ottenere un beneficio completo, l’Ayurveda Maharishi consiglia di applicare dopo la pulizia quotidiana del viso, il Tonico viso Vata Pitta per asportare gli ultimi residui di latte detergente e l’untuosità in eccesso.

Per ottenere un beneficio completo e duraturo, l’Ayurveda Maharishi consiglia di associare, all’applicazione quoti­diana sul viso della Crema Viso Pitta Maharishi Ayurveda, l’applicazione sul corpo della crema Corpo Pitta.

Una delle strategie importanti per il benessere passa anche attraverso l’utilizzo degli oli erbalizzati Maharishi Ayurveda, per un automassaggio, prima della doccia mattutina quotidiana.

Per potenziare l’effetto dei trattamenti esterni, è suggerito anche l’utilizzo di alcuni preparati per via interna, che con­tribuiscono a pacificare Pitta, come ad esempio Emblimap, Stenomap e Drainomap.

Aqua, Rosa damascena flower water*, Coconut alkanes, Cocos nucifera oil*, Coco-caprylate, Isoamyl cocoate, Almond/Borage/Linseed/Olive acids/glycerides, Glycerin, Simmondsia chinensis seed oil*, Cetearyl glucoside, Ethylhexyl palmitate, Glyceryl stearate SE, Behenyl alcohol, Shorea stenoptera seed butter, Olea europaea fruit oil*, Prunus amygdalus dulcis oil*, Ricinus communis seed oil*, Lactis lipida*, Santalum album extract, Rosa centifolia flower extract, Nelumbo nucifera flower extract, Vetiveria zizanioides root extract, Cyperus rotundus root extract, Tocopherol, Oryza sativa starch, Hydrogenated castor oil, Coco-caprylate/caprate, Sodium cetearyl sulfate, Cetearyl alcohol, Sodium stearoyl glutamate, Sodium gluconate, Stearic acid, Xanthan gum, Dehydroacetic acid, Benzyl alcohol, Citric acid, Parfum**, Citronellol, Citral, Geraniol, Limonene, Linalool.
* da agricoltura biologica ** da ingredienti di origine naturale

FASE OLEOSA.

OLIO DI COCCO. È nutriente e rinfrescante, particolarmente indicato per pacificare Pitta. Svolge un’eccellente azione anti-invecchiamento. Contiene una percentuale importante di acido laurico, che ha ottime proprietà antivirali, antibatteriche ed antifungine.

ALMOND/BORAGE/LINSEED/OLIVE ACIDS/GLYCERIDES. L’esclusivo processo di lavorazio­ne di una miscela di olio di mandorla, di oliva, di lino e di borragine crea un inedito fitocomplesso, che permettere di rendere disponibili acidi grassi mono e digliceridi quali acido Oleico, Linoleico, Palmitico, Squalene, acido alfa Linolenico, acido gamma Linolenico. Queste molecole attive libere mimano gli acidi grassi, che la naturale lisi dei cheratinociti fa riversare sulla pelle per formare il film idrolipidico, andando, così, in soccorso della barriera protettiva della pelle, nei casi di necessità. Gli oli processati in questo modo aumentano significativamente la propria affinità con l’acqua e presentano numerose caratteristiche innovative come, ad esempio: • Aumento dell’assorbibilità +100% • Aumento della biodisponibilità +100% • Aumento dell’efficacia • Aumento del potere antiossidante • Aumento del potere emulsionante • Aumento di idratazione +25% • Aumento dell’elasticità +44%, tutto con una contemporanea • Diminuzione dell’untuosità -50%.

OLIO DI JOJOBA. È la cera liquida che si ottiene dal seme della Simmondsia chinensis. Nelle zone di origine questo “olio” è stato utilizzato tradizionalmente per il trattamento di ferite, ustioni e tagli. L’olio di jojoba possiede proprietà lenitive e fortemente idratanti. Come idratante naturale concorre a mante­nere intatta ed efficace la struttura intercellulare dell’epidermide e, inducendo un marcato incremento della capacità di fibroblasti e cheratinociti nella riparazione delle ferite, facilita il processo di guarigione della pelle (J. Ethnopfarmacology, 2011).

BURRO DI ILLIPÈ. È un burro che viene estratto dalle noci della Shorea stenoptera, un albero della famiglia delle Dipterocarpaceae tipica di Borneo, Malaysia e Indonesia. Grazie al suo punto di fusione, molto vicino alla temperatura della pelle, il burro di Illipè è particolarmente sensoriale e si presta per essere utilizzato per le sue interessanti attività protettive, nutrienti e idratanti.

OLIO DI OLIVA. Olio ottenuto dai frutti di Olea europaea. Si tratta di un olio utilizzato da millenni per migliorare la salute della pelle, ed è risultato particolarmente utile in caso di fissurazioni (World­views Evid Based Nurs. 2015 Dec;12(6):364-9.) e in caso di radiodermatite (Int. J. Clin. Exp. Med., 2015, 8(7):11000-6).

OLIO DI MANDORLE DOLCI. L’olio di mandorle dolci si ottiene per spremitura a freddo dei semi del Prunus amygdalus. Si presenta sotto forma di liquido trasparente, di colore giallo chiaro. Chimi­camente è costituito da elevate percentuali di acido oleico e linoleico e, in minor quantità, da acido palmitico, stearico, laurico e miristico. Presenta spiccate proprietà emollienti, nutrienti, eudermiche ed elasticizzanti.

OLIO DI RICINO. Ottimo olio emolliente e condizionante che si ottiene dai semi del Ricinus com­munis. Grazie alla sua densità e al suo effetto filmante è in grado di contrastare efficacemente l’evapo­razione epidermica (chiamata TEWL).

LACTIS LIPIDA. Il Burro chiarificato è particolarmente rinomato in Ayurveda per le sue qualità nutrienti e rinfrescanti. Si tratta di un ingrediente fondamentale per la salute della pelle insieme agli oli di sesamo e di cocco. Dato il suo interessante effetto pacificante Pitta, il burro chiarificato è ideale come lenitivo, in caso di pelli sensibili.

VITAMINA E (tocoferolo). Antiossidante naturale. L’applicazione di vitamina E è utile dopo l’esposi­zione ai raggi solari poiché riduce l’eritema e l’edema indotto da un’errata esposizione. La vitamina E migliora l’idratazione epidermica e la capacità di trattenere acqua negli strati cutanei.

FASE ACQUOSA.

Acqua di Sorgente di Alta Montagna oligominerale.

Rosa damascena flower water: condizionante della pelle e protettiva. Viene tradizionalmente utilizzata in caso di eritema, prurito e gonfiore. Recenti indagini hanno evidenziato che l’acqua di rose ha la capacità di inibire l’infiammazione cutanea indotta da microbi. In particolare ha dimostrato di inibire la crescita della Candida albicans e di ridurre la vitalità dello Staphylococcus aureus meticillina resisten­te (Biol Pharm Bull. 2017).

Potrebbe interessarti anche