Olio Massaggio Pitta

Idratante e Lenitivo
200 ml – 6,8 FL. OZ.

19,30

L’olio da massaggio Pitta Maharishi Ayurveda ha un’azione lenitiva ed idratante.

È ideale per il trattamento quotidiano di costituzioni di tipo Pitta e pelli di tipo Pitta, di colore rosato, soffice al tatto morbida e calda, leggermente untuosa e soggetta ad arrossamenti. È particolarmente indicato anche nei mesi autunnali, momento nel quale il Pitta dosha aumenta naturalmente nell’ambiante esterno a seguito dell’accumulo di calore avvenuto durante l’estate, e la naturale sensibilità della pelle pitta aumenta.

•Contiene puri estratti ayurvedici ed ingredienti di origine naturale.
•Materie prime di altissima qualità.
•Usa esclusivamente oli essenziali naturali come fragranza.

RACCOLTA DIFFERENZIATA
FLACONE – PET 1 PLASTICA
TAPPO – PP 5 PLASTICA
ASTUCCIO – PAP 21 CARTA
Verifica le disposizioni del tuo Comune
Separa le componenti e conferiscile in modo corretto

Modo d'uso

Prima di iniziare il massaggio, scaldare leggermente l’olio. Massaggiare tutto il corpo. Soffermarsi più a lungo sulla testa e sulla pianta dei piedi. Per ottenere dal massaggio il massimo benefi­cio.

•Versare una piccola quantità di olio nel palmo delle mani e massaggiare la testa, dolcemente, con movimenti lenti, ampi ed in sincrono sui due emisferi.
•Massag­giare poi con maggiore delicatezza il viso e le orecchie, la fronte ed il collo.
•Versare altro olio nel palmo delle mani e procedere con l’applicazione sul resto del corpo. Si inizia massaggiando prima le braccia, poi le mani ed infine le dita. Il massaggio, infatti, va eseguito nella direzione dal centro verso la periferia, con movimenti diritti sulle ossa lunghe e circolari sulle articolazioni.
•Si procede quindi a massaggiare la zona del cuore, il seno e l’addome, con movimenti circolari, in senso orario.
•Successivamente si massag­giano la schiena, zona lombare, le gambe e i piedi; con le stesse modalità di movimenti diritti sulle ossa lunghe e circolari sulle articolazioni.
•Dopo il massaggio attendere 15 minuti e fare una doccia calda.

Suggerimenti

Per rimuovere l’olio, si suggerisce di detergere il corpo con Ayurdoccia Maharishi Ayurveda, che non perturba il film idrolipidico naturale e mantiene l’effetto nutriente ed idratante dell’olio.

La Maharishi Ayurveda mette a disposizione preziosi oli erbalizzati per mantenere in equilibrio la fisiologia. Gli oli vanno scelti in relazione alla propria fisiologia, alla stagione o alle proprie necessità. Il massaggio ha un effetto calmante sul sistema nervoso e riequilibrante sui sistemi endocrino e immu­nitario; aiuta a rimuovere le tossine, migliora la circolazione, aumenta la flessibilità dei muscoli, porta benessere ai tessuti ed agli organi; dona luminosità alla pelle, rendendola soffice, setosa e luminosa. Gli oli erbalizzati Vata, Pitta e Kapha, scelti in base alla propria fisiologia ed alla stagione, permettono di portare un profondo riequilibrio. La pratica quotidiana del massaggio ayurvedico, o Abhyanga, rappre­senta una delle strategie più importanti per la salute e la prevenzione.

Sesamum indicum seed oil*, Nymphaea stellata flower extract, Vetiveria zizanioides root extract, Santalum album extract, Imperata cylindrica root extract, Santalum album oil.
* da agricoltura biologica

OLIO DI SESAMO. L’olio di sesamo contiene sostanze attive, i lignani, fra cui sesamolo e sesamolina, che agiscono sul metabolismo del tessuto grasso (Int. J. of Food Sci. Nutr., 2012; J. Pharmacol. Sci., 2011). Potenziano, inoltre, l’effetto antiossidante della vitamina E, sia attraverso un suo riciclo che attraverso un’inibizione delle attività collegate al catabolismo del tocoferolo (Mol. and Cell. Biochem., 2004.), conferendo all’olio di sesamo una notevole stabilità nel tempo ed un effetto particolarmente protettivo sulla pelle. Altre interessanti attività, che possiede questo olio, sono, ad esempio, l’inibizione selettiva della crescita del melanoma maligno, l’attività chemiopreventiva (Prostagl. Leukot. Essent. Fatty Acids. 1992; Pharmacol. Res., 2002) e l’effetto protettivo nei confronti dei raggi UV (Pharmacogn. Rev. 2011).